HomeArticoliCovid-19 e anomalie strutturali nei sopravvissuti

Covid-19 e anomalie strutturali nei sopravvissuti

Covid-19: i sopravvissuti a Covid-19 evidenziano anomalie strutturali a lungo termine dopo la dimissione. Il 30% dei sopravvissuti alla COVID-19 evidenzia anomalie polmonari strutturali persistenti per mesi dopo la guarigione.

In uno studio presentato a settembre alla European Respiratory Society sono stati studiati 86 pazienti (età media, 61 anni) guariti da infezione respiratoria da COVID-19 da moderata a critica, sottoposti a controlli alle settimane 6, 12 e 24.

Ad ogni visita di follow-up venivano eseguiti: esame clinico, esami di laboratorio, emogasanalisi, test di funzionalità polmonare, TC toracica ed ecocardiogramma.

Il 48% dei pazienti aveva un’anamnesi di fumatore.

A 6 e 12 settimane dopo la dimissione, rispettivamente il 47% e il 39% dei pazienti presentava dispnea, e rispettivamente il 28% e il 19% dei pazienti presentava una capacità vitale forzata compromessa; il 33% e il 22% dei pazienti presentava una bassa capacità di diffusione del monossido di carbonio dei polmoni.

La diagnostica per immagini con TC ha rivelato anomalie correlate alla COVID-19 rispettivamente nell’88% e nel 56% dei pazienti: opacità a vetro smerigliato, 88%; reticolazione, 63%;consolidamento, 10%  bronchiectasia, 13%.

Il punteggio della gravità in base alla CT è migliorato da 8 a 4 punti.

Questi dati sono confermati anche da altri studi.

Ali Gholamrezanezhad, della University of Southern California a Los Angeles, per esempio, ha studiato le TC di diversi pazienti provenienti da studi pubblicati e quelle di alcuni suoi pazienti, e ha riscontrato che dopo 12 settimane dalla dimissione i polmoni del 56% dei pazienti mostravano ancora lesioni.

A questo proposito l’autore ricorda che Peixun Zhang, del Peking University People’s Hospital di Pechino, ha monitorato dal 2003 al 2018 la salute di 71 persone affette da Sars, e ha riferito che dopo 15 anni il 4,6% presentava ancora lesioni visibili ai polmoni e il 38% mostrava una ridotta capacità di ossigenazione.

Dal punto di vista cardiovascolare, invece, uno studio cinese a maggio ha osservato che i pazienti che hanno avuto la polmonite hanno un rischio aumentato di malattie cardiache e vascolari a 10 anni di distanza.

Non sono neppure ben chiare le conseguenze dell’infezione da Sars-CoV-2 a livello neurologico e cognitivo, dato che diversi pazienti soffrono di complicanze neurologiche come delirio, confusione e perdita di memoria che possono persistere dopo che i sintomi acuti sono scomparsi.

Si apre poi l’ampia questione della stanchezza cronica, in quanto sempre più persone riferiscono di soffrire di stanchezza e malessere e questo problema non riguarda solo pazienti che hanno avuto forme gravi della malattia.

Per meglio comprendere la situazione, la British Heart Foundation di Londra seguirà i pazienti ricoverati per Covid-19 per sei mesi, e lo studio Post-Hospitalization Covid-19 monitorerà 10.000 pazienti per un anno.

Saranno necessarie linee guida per poter trattare nel modo migliore questi postumi duraturi

 

Bibliografia
Sahanic S et al. Persisting pulmonary impairment following severe SARS-CoV-2 infection, preliminary results from the CovILD study. Eposter #4143. Presented at the 2020 European Respiratory Society (ERS) Virtual International Congress 2020, 7-9 September Nature 2020. Doi:  http://dx.doi.org/10.1038/d41586-020-02598-6 2020.

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

La mascherina protegge dall’infezione da Coronavirus

Nuovo Coronavirus: Decalogo Iss e Ministero della Salute

La mascherina protegge dall’infezione da Coronavirus

2009 nCoronavirus: Caratteristiche Cliniche dei pazienti ospedalizzati a Wuhan

Polmonite Da Coronavirus: il punto della situazione

Il comune raffreddore protegge da COVID-19?

Anosmia da SARS-CoV2: qual è l’evoluzione?

Tracheotomia e intubazione pazienti con Covid 19

Gruppo Sanguigno 0 protegge dal Covid-19

Covid-19: perché i bambini sono affetti da forma più lieve?

Linee guida oncologiche cervico-facciali Covid-19

Quali sono i sintomi di Covid-19 lieve-medio?

Vitamina D difesa naturale contro Covid-19

Questionario su Anosmia all’epoca del Covid-19

Covid-19 e Iposmia

COVID-19 severa e complicazioni neurologiche

Covid-19 in Cina: lezione importante dall’Epidemia

 

Articoli Correlati

Prof. Maurizio G. Vigili

OTORINOLARINGOIATRIA

Clicca qui per visitare il mio profilo

Prenotazione Rapida

Hai la necessita di prenotare velocemente una visita con il prof. Maurizio Giovanni Vigili

Articoli Correlati