HomeArticoliVertigine posizionale parossistica benigna

Vertigine posizionale parossistica benigna

Vertigine posizionale parossistica benigna: aderenza alle linee guida non ancora ottimaleL’aderenza alle attuali linee guida per la diagnosi ed il trattamento della vertigine posizionale parossistica benigna (BPPV) sta migliorando, ma rimane subottimale fra i medici ambulatoriali.

I medici dovrebbero astenersi dal prescrivere indagini diagnostiche ed iniziare a prescrivere i farmaci appropriati per la BPPV, come affermato da Pamela Dunlap dell’università di Pittsburgh, autrice di una valutazione della prevalenza delle visite ambulatoriali per BPPV in cui è stata verificata l’aderenza dei medici alle linee guida.

Secondo l’aggiornamento del 2017 delle raccomandazioni specialistiche, i soggetti con presunta BPPV dovrebbero essere diagnosticati mediante la manovra di Dix-Hallpike per quella del canale posteriore, la manovra di Epley per quella del canale orizzontale.

Il paziente dovrebbe poi essere trattato con la manovra liberatoria appropriata indirizzandolo ad un medico specialista otorinolaringoiatra o vestibologo che possa effettuarla.

Negli USA il tasso di visite ambulatoriali per BPPV è raddoppiato dal periodo 2004-2006 al 2013-2015, e le prescrizioni di farmaci antiemetici o anti-vertigine è diminuita, mentre quella di esami radiologici è aumentata.

I ricercatori peraltro sconsigliano ai medici generici di raccomandare l’auto-trattamento della BPPV in base ad indicazioni trovate in rete, in quanto il trattamento potrebbe essere complesso, e le risorse online spesso forniscono informazioni scorrette o incomplete sugli interventi appropriati.

Le attuali linee guida raccomandano anche che i medici specialisti controllino i pazienti a distanza di un mese dalla visita iniziale per BPPV, onde garantire una diagnosi accurata e la completa risoluzione dei sintomi, ma i ricercatori consigliano intervalli anche inferiori ad un mese, e ricordano di effettuare anche un controllo dei livelli di vitamina D, in quanto è stato dimostrato che bassi livelli di vitamina D sono associati alla recidiva della BPPV negli anziani.

JAMA Otolaryngol Head Neck Surg online 2018 doi:10.1001/jamaoto.2018.1859

Per ulteriori approfondimenti si possono consultare anche i seguenti link:

Vertigine Parossistica Posizionale Benigna da otoliti (VPPB)

Vertigine da otoliti ( VPPB): le Manovre Diagnostiche

Vertigine da otoliti ( VPPB): le Manovre Liberatorie

Articoli Correlati

Prof. Maurizio G. Vigili

OTORINOLARINGOIATRIA

Clicca qui per visitare il mio profilo

Prenotazione Rapida

Hai la necessita di prenotare velocemente una visita con il prof. Maurizio Giovanni Vigili

Articoli Correlati