Tumori dell’orofaringe HPV correlati: review

Tumori dell'orofaringe HPV correlati

Tumori dell’orofaringe HPV correlati: review. L’amico Siavash Rahimi attualmente Consultant Histopathologist at Brighton and Sussex University Hospital, ha pubblicato su J Clin Pathol una interessante review sul Carcinoma Cervico Facciale  HPV correlato  di cui riassumo i punti principali.

Dal punto di vista epidemiologico, l’incidenza dei tumori orofaringei HPV correlati è aumentata a dispetto della diminuzione dei fattori di rischio tradizionali (alcool -fumo) e le previsioni indicano che nel 2030 i tumori orofaringei – HPV correlati  (HPV-OPSCC) saranno i tumori cervico facciali più diffusi.

I pazienti affetti da questi tumori sono tipicamente maschi, di razza caucasica, giovani (età media 54 anni) meno esposti a fumo ed alcool e con stato socioeconomico e culturale più elevato.

Il comportamento sessuale, considerando che gli oncogeni HPV sono sessualmente trasmessi, è tipico, con mediamente più di 9 partner sessuali nella vita e/o più di quattro partner con cui è stato praticato sesso oro-genitale.

La presentazione clinica tipica di questi HPV-OPSCC è quella di un Tumore in stadio iniziale spesso accompagnato da una lesione metastatica cistica nel collo.

Rispetto ai tumori non HPV correlati, la risposta alla terapia e la prognosi è indubbiamente più favorevole (overall survival e disease free survival rispettivamente 79% e 73% contro 31% e 29%), tanto è vero che l’VIII edizione del AJCC ha identificato questi tumori HPV correlati come una classe a parte.

L’istotipo HPV 16 è quello prevalente (87%) nei carcinomi orofaringei -HPV correlati, seguiti dal tipo 33 e 18.

Dal punto di vista istopatologico i tumori HPV-OPSCC esprimono, seppure in misura inferiore lo spettro dei carcinomi squamosi a) classici con differenti gradi di differenziazione e cheratinizzazione  e b) misti con

e diffenziazione squamosa.

L’indagine immunoistochimica con il rilievo della p16 è la metodica più comune e più semplice nel porre la diagnosi di infezione da HPV.

Tuttavia, la sola overespressione di p16 risulta un marker insufficiente per la positività all’HPV e per formulare una prognosi.

Le tecniche molecolari per rilevare le oncoproteine HPV sono maggiormente attendibili.

Esiste infatti un 10-15% di OPSCC che sono p16 positivi ma non mostrano la presenza di HR-HPV DNA all’analisi molecolare. Questo gruppo di pazienti hanno una prognosi peggiore.

Un panel di esperti del College of American Pathologist riunitosi nel 2018 ha pubblicato delle linee guida, i cui principi fondamentali sono:

  • Tutti i OPSCC di nuova diagnosi (primitivi o metastatici nei linfonodi del collo) devono essere testati per HR-HPV molecolare
  • Sui carcinomi non squamosi dell’orofaringe e sui tumori non orofaringei il test HR-HPV non va effettuato di routine
  • I casi di metastasi latero cervicali del terzo superiore o medio giugulare devono essere testati per HR-HPV
  • Il materiale da FNAB dei pazienti con sospetta recidiva o metastasi da precedente OPSCC non testato per HR-HPV, deve essere testato per HR-HPV
  • La positività immunoistochimica di p16 può essere considerata surrogato per HR-HPV quando si reperti almeno il 70% di espressione nucleare e citoplasmatica con intensità da moderata a forte
  • Le recidive locoregionali e le metastasi a distanza non devono essere testate a meno che non vi sia stato in passato alcun test per HR-HPV
  • Un test addizionale HR-HPV sui casi p-16 positivi dovrebbe essere effettuato per tumori localizzati oltre il livello II-III del collo e/o per tumori con morfologia cheratinizzante

Rahimi rileva alcune debolezze in  queste linee guida :

  1. esistono tumori cervico facciali non orofaringei che sono HPV correlati e sui quali il test molecolare andrebbe fatto;
  2. il giudizio della p16 come surrogato al test molecolare è basato su valutazioni soggettive col rischio di cerare una quota di casi borderline;
  3. Quale sia il grado tumorale dei casi OPSCC HPV-positivi/p-16-positivi, non viene definito.

La maggioranza presenta un aspetto istologico basaloide, ma esistono anche istotipi squamosi puri e convenzionali oppure misti.

Definire per il patologo la differenziazione della componente squamosa in questi sottotipi dovrebbe essere una buona pratica.

Al momento non vi è un approccio standardizzato per testare l’HPV ma diversi test: HPV DNA/RNA oncoproteine virali ed anticorpi serici HPV specifici.

L’ ibridizazione dell’RNA in situ complementari a E6/E7 mRNA, rendono visibile direttamente la trascriptasi virale e sembrano rappresentare lo standard clinico per poter assegnare la diagnosi di  OPSCC-HPV correlato.

Tale metodo tuttavia ha applicazioni limitate nella routine quotidiana per la complessità di processazione e la necessità di esperti.

E’ auspicabile che la ricerca di HR-HPV DNA/RNA  o di cellule neoplastiche circolanti  nel sangue od in altri liquidi biologici, in un futuro prossimo , rimpiazzino le correnti tecniche di ricerca dell’HPV nei tessuti.

Recenti progressi nell’intelligenza artificiale basati sull’analisi delle immagini radiologiche digitalizzate e sulle immagini istopatologiche, potrebbero rimpiazzare le ricerche dell’HPV nei tessuti.

Inoltre la ricerca del HR-HPV DNA nei fluidi biologici (sangue, saliva) durante il follow up, potrà aiutare ad individuare precocemente malattie residue o recidive locoregionali o a distanza.

Vi sono studi che dimostrano come HPV16 DNA circolante può essere determinato nel plasma della maggior parte dei pazienti con OPSCC-HPV correlato e che il quantitativo di DNA riflette la risposta al trattamento.

BIBLIOGRAFIA
Siavash Rahimi. HPV-related squamous cell carcinoma of oropharynx  : a review. J Clin Pathol 2020:0:1-6 doi: 10.1136/jclinpath-2020-206686

 

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Papilloma Squamoso Hpv del Faringe

Carcinoma dell’Orofaringe Hpv correlato

Carcinoma dell’Orofaringe: proposta di nuova classificazione

Tumore Orofaringeo Hpv indotto

Rischio di Secondo Tumore Hpv Associato

Carcinomi cervico facciali HPV correlati e non correlati

Trattamenti nei tumori orofaringei HPV correlati

I Tumori dell’orofaringe Hpv Correlati: Entità a se stante?

HPV Positività: prognosi migliore nei tumori orofaringe, ipofaringe, cavo orale e laringe

Identificata la proteina chiave per bloccare la replicazione del Virus HPV

Hpv: Papilloma Virus nel tessuto tonsillare

What is Human Papilloma Virus?

Both mucosal and cutaneous papillomaviruses are in the oral cavity but only alpha genus seems to be associated with cancer

La Vaccinazione contro il Virus HPV: la vera prevenzione

Tumori orali ed orofaringei: utile la Radioterapia post-operatoria

Tumori orali ed orofaringei in aumento nei giovani

Sopravvivere ai tumori Cervico Facciali sviluppa a distanza problemi cognitivi