Sonno: porte e finestre aperte prima di coricarsi

Sonno

Sonno: per dormire bene porte e finestre aperte prima di coricarsi.
Lo rivela uno studio dell’università olandese di Eindhoven, pubblicato su Indoor Air.

Aerare la stanza porterebbe ad una riduzione della concentrazione di anidride carbonica (CO2) migliorando la qualità del riposo.

Lo studio ha coinvolto 17 volontari sani il cui sonno è stato monitorato per 5 giorni in due diverse situazioni: porta e finestra della camera da letto aperte, porta e finestra chiuse.

In entrambi i casi parametri quali la concentrazione di anidride carbonica, umidità e temperatura della stanza sono stati misurati.

La qualità del sonno dei volontari è stata valutata sia soggettivamente (con diari personali), sia oggettivamente con un ‘actigrafo’ indossato al polso e alla caviglia che registrava il sonno in tempo reale, ed un sensore di movimento da mettere sotto il cuscino.

Aprire infissi e porta prima di dormire è risultato associato a ridotti livelli di anidride carbonica nella stanza da letto.

Sia dai report dei volontari, sia dagli esami obiettivi strumentali è emerso che con meno CO2 nella stanza il sonno è più profondo, l’indice di efficienza del sonno maggiore, il numero di risvegli notturni è minore.

Questa semplice abitudine, quindi, può essere risolutiva in molti casi di disturbi del sonno.

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Il segreto per dormire meglio?

Apnea nel sonno: MAD non riduce rischio cardiovascolare

L’apnea del sonno danneggia il tessuto cerebrale dei bambini

Disturbi del sonno REM e allergie

Polisomnografia nei disturbi respiratori del sonno in età pediatrica. Non sempre solo Apnee Ostruttive

Rinosinusite cronica: il trattamento chirurgico migliora qualità del sonno

Attenzione alle Apnee ostruttive del sonno: possono indurre depressione negli uomini che ne soffrono

Ruolo della Sleep Endoscopy nella diagnostica dei disturbi ostruttivi del sonno (OSAS)

Sindrome delle Apnee del sonno (OSAS): Se emerge un profilo di rischio elevato serve l’intervento dello specialista per la diagnosi e valutazione della gravità

Sleep Endoscopy: protocollo farmacologico

Sleep Endoscopy: selection of cases

Russamento e Apnee Ostruttive Posizionali

Apnee Notturne : la diagnosi e l’inquadramento ora è facile

Apnea Notturna: Valore della Polisomnografia

Apnea ostruttiva posizionale e non posizionale

Apnee notturne : rischio Glaucoma aumenta di 10 volte

Associazione fra Osas e Trigliceridi

Apnea con ipertensione infantile

Apnee notturne: trattamento con cPAP migliora la vita sessuale

In ospedale si dorme male: anche la scienza lo dice

Apnee notturne, in Italia 6 milioni di potenziali pazienti

Ugulopalatofaringoplastica: tempi chirurgici dell’intervento

La Chirurgia Orofaringea nel Trattamento dell’OSAS

Questionario Apnea Epworth Sleepiness Scale

Questionario Apnea American Academy of Sleep