Polisomnografia nei disturbi respiratori del sonno in età pediatrica. Non sempre solo Apnee Ostruttive

La polisomnografia effettuata per disturbi respiratori durante il sonno in età pediatrica, dimostra che una problematica di apnea notturna è responsabile solo nel 73% dei casi.

Lo studio, pubblicato recentemente su Otolaryngology-Head and Neck Surgery, è stato effettuato su un totale di 1258 bambini, età media 5.2 anni (range 0.2-18.94), affetti da disturbi respiratori del sonno, insonnia, laringomalacia e anomalie delle vie aeree. Sottoposti a polisomnografia, nel 53.2% dei casi si erano riscontrate unicamente Apnee Ostruttive, nel 4.5% Apnee miste e russamento senza apnee nel 15% dei casi. Le altre diagnosi, in cui non si evidenziava un quadro di Apnee ostruttive erano risultate: Sindrome dei movimenti periodici delle gambe nel sonno (Periodic limb movement disorder PLMD), Ipoventilazione polmonare ed apnee centrali nel 7.4%, 6.8% e 5.4% rispettivamente.

Neonato zucca