Noduli tiroidei maligni: nuova tecnica per identificarli

noduli tiroidei maligni

Noduli tiroidei maligni: nuova tecnica per identificarli. Il desorbimento per ionizzazione elettrospray, una tecnica di ionizzazione diretta usata per la spettrometria di massa chiamata  DESI-MS, potrebbe divenire un eccezionale test complementare per il citologo nella valutazione dei noduli tiroidei.

Lo afferma  James Suliburk del Baylor College of Medicine di Houston Texas che ha usato l’imaging DESI-MS nell’analisi di 69 campioni clinici di FNAB raccolti prospetticamente da 57 pazienti, con lo scopo di determinare il profilo molecolare di adenomi follicolari normali (FTA), carcinomi follicolari maligni (FTC) e carcinomi papillari (PTC).

La sensibilità e specificità nel discriminare il PTC dalla tiroide benigna sono risultate rispettivamente del 92%, e del 94%.

Nella discriminazione fra FTA e FTC la sensibilità è risultata dell’81% e la specificità del 80%.

Soltanto tre dei 16 campioni FTC sono stati classificati erroneamente come benigni nel set di validazione.

Questa  tecnologia permette di eseguire analisi sulle cellule e di ottenere i risultati in tempo reale, senza un’importante elaborazione o la preparazione dello striscio FNAB.

La FNAB guidata dagli ultrasuoni rimane la  tecnica standard  per la diagnosi preoperatoria delle lesioni sospette della tiroide, ma può essere difficile discriminare i noduli maligni e benigni in base alla citologia nei casi classificati come indeterminati (Tir 3A- Tir 3B).

“Siamo cautamente ottimisti sul fatto che abbiamo sviluppato una tecnica molto preziosa per valutare la malignità nei noduli tiroidei indeterminati”, conclude  Suliburk –   riducendo pertanto sensibilmente il numero di tiroidectomie diagnostiche non necessarie.

BIBLIOGRAFIA
R.J. DeHoog, J. Zhang, E. Alore, J. Q. Lin, W. Yu, S.Woody, C. Almendariz, M. Lin, A.F. Engelsman, S. B. Sidhu, R. Tibshirani, J. Suliburk, and Li. S. Eberlin Preoperative metabolic classification of thyroid nodules using mass spectrometry imaging of fine-needle aspiration biopsies . PNAS October 22, 2019 116 (43) 21401-21408; first published October 7, 2019 https://doi.org/10.1073/pnas.1911333116

La nuova metodica, di cui non conosciamo ancora la pratica fattibilità ed i costi,  verrebbe a colmare una lacuna diagnostica importante nei casi indeterminati.

Nella mia esperienza personale nei casi  di agoaspirato classificati TIR 3B sottoposti a tiroidectomia,  l’incidenza di carcinoma papillifero è intorno al 60%, troppo alta per non sottoporre questi pazienti a tiroidectomia, ma penalizzata da circa un 40% di trattamenti che si rivelano non necessari.

Limitare l’intervento ai soli noduli maligni sarebbe un grande passo avanti.

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Carcinomi Papilliferi della Tiroide

Tumore della Tiroide: Svuotamento del Comparto Centrale

Carcinoma della tiroide: nuove linee guida NCCN

Cancro della tiroide: in post-menopausa è più aggressivo

Carcinoma papillifero della Tiroide

L’aumento dei Tumori della Tiroide non è dovuto solo alla Overdiagnosis

Carcinoma midollare della tiroide

Cancro alla tiroide: rischio aumentato per chi lavora con disinfettanti

C’è una Tiroide che non funziona dietro tanti disturbi e malesseri

L’uso delle nuove Tecnologie nella Chirurgia della Tiroide

Chirurgia meno aggressiva per i Tumori della Tiroide

Tiroidite di Hashimoto

Tiroidectomia Totale con Bisturi Armonico

Tiroidectomia Totale

Correlazione Citoistologica nella Patologia Nodulare della Tiroide

Noduli Tiroidei: Nuova Classificazione Ecografica

TSH sierico predittivo di malignità dei noduli tiroidei?

L’agoaspirato dei Noduli della Tiroide: classificazione predittiva del rischio oncologico