Microbiota nasofaringeo dei bambini

microbiota

Microbiota nasofaringeo dei bambini biomarker di future patologie. Attraverso la caratterizzazione del microbioma nasofaringeo (NPM)  nei primi anni di vita è possibile determinare il grado di suscettibilità, frequenza e di gravità delle patologie respiratorie acute e ricorrenti e della sensibilizzazione allergica.

La marcata espressione di batteri quali  HaemophilusStreptococcus o Moraxella è da considerarsi fattore predisponente l’insorgenza di malattie respiratorie persistenti in età scolare, in bambini positivi per le IgE nei primi anni di vita. Al contrario, bambini non sensibilizzati in tenera età sembrerebbero manifestare queste malattie solo in maniera transitoria trovando risoluzione entro i 4 anni E’ quanto afferma uno studio osservazionale australiano dell’Università di Melbourne su un totale di 3000 campioni provenienti da 244 bambini, prelevati in assenza di malattia e durante infezioni aeree superiori ed inferiori.

Modificato da Microbioma.it

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti articoli:

Microbioma nasale modifica le nostre capacità olfattive

Un consumo eccessivo di Alcool altera il microbioma orale