Long Covid fattori di rischio

Long Covid

Long Covid: individuati quattro fattori di rischio alla diagnosi iniziale di Covid-19. Uno studio pubblicato su Cell da un team coordinato da James Heath, dell’Institute for System Biology di Seattle (USA) ha individuato 4 fattori di rischio che, se presenti alla diagnosi iniziale di COVID-19, possono permettere di predire se un paziente soffrirà o meno del cosiddetto “long COVID”.

I fattori sono:

1) alcuni autoanticorpi

2) diabete di tipo 2 preesistente ;

3) presenza, a livello ematico, di RNA dei virus SARS-CoV-2

4) presenza a livello ematico di Epstein-Barr (EBV).

Il gruppo ha condotto un’indagine multi-omica longitudinale su campioni di sangue e tamponi di 309 pazienti con COVID-19 fino a 2-3 mesi dopo la diagnosi, integrando i risultati con dati clinici e sintomi riferiti dai pazienti.

Differenti sono gli autoanticorpi che si associano a diversi sintomi da long COVID.

Livelli ad esempio leggermente più elevati di autoanticorpi IgG contro la proteina del nucleocapside di SARS-CoV-2 portavano a maggiori problemi neurologici, mentre quelli con autoanticorpi contro IFN-alfa2 erano associati in modo univoco sequele di tipo respiratorio.

La possibilità di poter rilevare questi fattori alla diagnosi iniziale potrebbe suggerire strategie diverse di trattamento del long COVID, come, ad esempio, di assumere “gli antivirali” precocemente per mitigare gli effetti del Long COVID.

La critica che è stata fatta alla casistica dello studio è che la maggior parte dei pazienti analizzati aveva COVID-19 abbastanza grave da essere ricoverato, mentre la maggior parte dei pazienti con COVID-19 non è ricoverata e molte persone che manifestano Long COVID hanno sintomi lievi alla diagnosi iniziale.

 

BIBLIOGRAFIA
Yapeng Su, Dan Yuan, Daniel G. Chen, …, Mark M. Davis, Jason D. Goldman, James R. Heath. Multiple early factors anticipate post-acute COVID- 19 sequelae. 2022, Cell 185, 881–895 https://doi.org/10.1016/j.cell.2022.01.01

 

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Long Covid: i sintomi ORL

Covid 19: dopo infezione una persona su sette sviluppa una nuova patologia