La disfunzione tubarica migliora con la FESS

disfunzione tubarica

La disfunzione tubarica migliora con la FESS. Uno studio prospettico multinazionale basato sulla raccolta di dati del questionario SNOT-22 ha valutato se la chirurgia endoscopica rinosinusale (FESS) aveva portato ad un miglioramento dei sintomi di disfunzione tubarica nei pazienti affetti da Rinosinusite cronica (CRS).

I pazienti testati erano 131, il gruppo di controllo 25, costituito da familiari dei pazienti, amici e personale dello staff sanitario.

disfunzione tubarica  disfunzione tubarica

I sintomi su cui si è basata la valutazione erano:

– sensazione di orecchio pieno (ear fullness);
– dolore auricolare, con un punteggio che andava da 0 ( nessun problema) a 5 ( il massimo possibile del disagio).

La valutazione era effettuata il giorno dell’intervento e a distanza, al massimo tre mesi dopo.

Nel gruppo dei pazienti con CRS in cui lo score per l’ovattamento uditivo era alto, si è riscontrato un miglioramento immediato dello score alla fine dell’intervento in cica il 79% dei casi.

Solo in 5 pazienti si era registrato un peggioramento.

Anche la sensazione di dolore auricolare era significativamente diminuita (73% dei casi).

La conclusione degli autori dello studio è stata che la funzionalità della Tuba di Eustachio non viene di solito studiata a fondo nell’iter diagnostico della CRS.

Viceversa il problema è prevalente ed i risultati di miglioramento assai significativi.

Il periodo di follow up è stato troppo breve per trarre conclusioni definitive ed il timpanogramma così come un questionario più mirato sulla funzionalità tubarica dovrebbero essere routinariamente utilizzati.

BIBLIOGRAFIA
Maniakas A, Desrosiers M, Asmar M, et al Eustachian tube symptoms are frequent in chronic rhinosinusitis and respond well to endoscopic sinus surgery. .
RHINOLOGY  2018;56(2):118-21.

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

SNOT-22 : SINO-NASAL OUTCOME TEST

Il turbinato medio: è utile resecarlo nella FESS?

Rinosinusite cronica: il trattamento chirurgico migliora qualità del sonno