Ipoacusia e le 4 D

ipoacusia

Ipoacusia e le 4 D. Uno studio osservazionale francese dell’Università di Bordeaux conferma la stretta relazione tra ipoacusia ed insorgenza di eventi avversi, in particolare Depressione, Demenza, Disabilità e Decesso.

Considerando che l’ipoacusia interessa il 30% delle persone ultrasessantacinquenni e ben il 70-90% della popolazione over 85 anni, il dato rischia di essere di notevole importanza.

Un campione di 3777 soggetti over 65 anni sono stati monitorati nell’arco di durata di 25 anni con interviste domiciliari sullo stato di salute ed eventuale decesso, sulla presenza di sintomi depressivi (test CES-D), sull’abilità di eseguire attività quotidiane di base e strumentali (es uso del telefono) e l’ insorgenza di deficit cognitivi gravi.

I risultati dello studio hanno evidenziato un incremento esponenziale del rischio di demenza e disabilità di esecuzione delle attività quotidiane basilari nei soggetti ipoacusici; mentre non si è riscontrata una correlazione diretta fra ipoacusia e depressione, i soggetti maschili non utilizzatori di protesi acustiche si sono dimostrati più esposti al rischio rispetto ai non utilizzatori.

Il rischio di mortalità invece si è rivelato indipendente rispetto al deficit uditivo, sia esso stato compensato o meno da apparecchi acustici.

 

BIBLIOGRAFIA
H.Amieva, C.Ouvrand, C.Meillon et al. Death, Depression, Disability and Dementia associated with Self-reported Hearing problems. A 25-year Study. Journals of Gerontology The Journals of Gerontology: Series A, Volume 73, Issue 10, 11 September 2018, Pages 1383–1389, doi.org/10.1093/gerona/glx250

 

Si evidenzia ancora una volta l’importanza di mettere il soggetto anziano in condizioni di evitare isolamento sociale cui l’ipoacusia grave lo porterebbe.

La protesizzazione acustica è sovente un valido aiuto.

Un’ esame audiometrico ed una visita specialistica otorinolaringoiatrica quando iniziano le prime difficoltà di comprensione uditiva aiutano a scegliere il momento giusto per scegliere di usare l’apparecchio acustico.

Per ulteriori approfondimenti si possono consultare anche i seguenti link:

Ipoacusia. Non ci sento bene: cosa devo fare?

Ipoacusia: gli Esami di Secondo Livello

Perdita uditiva e modificazioni nel cervello

Difficoltà uditive per gli anziani in ambulatorio

Giochi al computer aiutano a migliorare l’Udito negli over 70