Infezione da SARS-CoV2 nei bambini

Infezione da SARS CoV-2 nei bambini

Infezione da SARS-CoV2 nei bambini: dati dall’esperienza cinese. In contrasto con i dati iniziali che ipotizzavano un minor rischio di contagio nell’infanzia, gli studi più recenti asseriscono che i bambini hanno le stesse probabilità degli adulti di contrarre l’infezione da SARS-CoV2, ma sviluppano una malattia meno sintomatica e meno grave.

Uno studio di revisione epidemiologica e clinica  su 11 serie di casi pediatrici affetti da COVID-19 trattati in Cina, per un totale di 333 bambini e ragazzi (età 1-16 anni), rivela che l’83% aveva contratto l’infezione in famiglia.

Il periodo di incubazione variava da 2 a 25 gg con una media di 7 gg.

Il virus era stato isolato dalle secrezioni nasofaringee fino a 22 gg  dalla guarigione e dalle feci per più di 30gg in alcuni casi.

Mentre il 35% era risultato asintomatico, co-infezioni erano state documentate in oltre il 79%  dei bambini (soprattutto micoplasma ed influenza A-B).

I sintomi più frequenti erano stati tosse (48%; range 19%–100%), febbre  (42%; 11%–100% durata media  3-6 gg) e faringite  (30%; 11%–100%).

Altri sintomi erano la congestione nasale, rinorrea, tachipnea, starnuti, diarrea, vomito, mal di testa ad affaticamento.

Le alterazioni degli esami di laboratorio risultavano minime e quelle degli esami radiologici aspecifiche rispetto agli adulti, con in alcuni casi infiltrati polmonari basali unilaterali o bilaterali, con  raramente immagini di opacità a vetrino di orologio.

Solo il 3% aveva avuto necessità di un ricovero in terapia intensiva  ed il  6% aveva avuto necessità di ossigenoterapia.

Due bambini sono deceduti per le complicanze da COVID-19 associate a gravi comorbidità (leucemia ed idronefrosi).

I trattamenti farmacologici utilizzati sono stati oseltamivir, ribavirin (±lopinavir), interferone, glucocorticoidi, immunoglobuline, antibiotici  e medicina  tradizionale Cinese.

La degenza media è stata di 13-14 gg ( range   5 -28 giorni).

Infezione da SARS-CoV2 nei bambini: dati dall’esperienza cinese

Infezioni prenatali sono state descritte in 65 donne e 67 neonati.

Il 27 % aveva partorito prima del termine  e due mamme (3%) sono finite in TI .

Il 30% dei neonati aveva presentato un distress fetale .

Le altre complicazioni neonatali sono state  distress respiratorio e polmonite (18%),  basso peso alla nascita (13%), coagulazione intravascolare disseminata(3%), asfissia  (2%) .

Quattro neonati , di cui 3 con polmonite,  sono risultati positivi al   SARS-CoV-2  nonostante strettissimi controlli e misure di protezione con immediata separazione della madre dai neonati, facendo ipotizzare la possibilità di un contagio verticale materno – fetale.

BIBLIOGRAFIA
Zimmermann Petra, Curtis Nigel COVID-19 in Children, Pregnancy and Neonates A review of Epidemiologic and Clinical Features The pediatric Infectious Disease Journal:June 2020 39 (6) pg 469-477

La prossima settimana: perche i bambini si ammalano in modo lieve di COVID-19?