Fistola Rinoliquorale

fistola

Fistola Rinoliquorale: plastica di riparazione con tecnica endoscopica transnasale

Il caso riguarda una fistola rinoliquorale atraumatica verossimilmente congenita di una giovane signora che presentava da anni rinoliquorrea franca ogni volta che piegava la testa in avanti.

Lo studio TC evidenzia in proiezione sagittale e coronale la sede del tramite a livello della lamina cribra e fovea ethmoidalis con ampio assottigliamento delle limitanti ossee. Il primo tempo chirurgico riguarda l’esposizione della fistola. Il turbinato medio, occupato da conca bullosa, viene resecato a livello dell’ascella e rimosso integralmente.

Evidenziato l’ostio naturale del seno mascellare utile quale repere, si procede con J curette, micropinze di Blakesly e microdebrider all’etmoidectomia, fino ad evidenziare il sito della fistola con l’evidente rinoliquorrea. Rimossa con cura la mucosa, viene prima regolarizzato il tessuto osseo rimuovendo le spicole ossee meno stabili e sondando con aspiratore bottonuto le limitanti dove appoggiare il flap di ricostruzione.

Il primo tempo ricostruttivo riguarda l’innesto di segmenti di cartilagine settale prelevata e modellata che con tecnica underlay vengono posizionati a creare una prima barriera di chiusura della breccia. Colla di fibrina viene distribuita con un catetere rigido a sigillare e sostenere l’innesto cartilagineo.

Un graft libero di mucoperiostio ricavato dal turbinato medio precedentemente rimosso viene accuratamente e delicatamente posizionato a ricoprire la deiscenza rivestendo gli innesti cartilaginei settali e sigillando la chiusura completa della fistola. La fibrina contribuisce a mantenere in sede il lembo.

Il tamponamento stipato, con molta delicatezza di spugnette di Gelfoam ® e poi di Merogel ® da mantenere per almeno 7 gg, completa l’intervento. Lo studio TAC a 3 mesi nelle proiezioni coronali e sagittali evidenzia la tenuta della plastica e clinicamente la paziente non ha più avuto rinoliquorrea dalla fine dell’intervento chirurgico

Per ulteriori approfondimenti si possono consultare anche i seguenti link:

Poliposi Nasale: Chirurgia endoscopica

Poliposi nasale, terapia personalizzata limita le recidive

FUNGUS BALL: Trattamento endoscopico rinosinusale (E.S.S.)

Polipo Antrocoanale: Asportazione endoscopica

Il Polipo Antro Coanale (PAC)

Trattamento Endoscopico Di Papilloma Invertito Etmoidale

Papilloma Invertito Rinosinusale: quasi un tumore maligno

Trattamento Endoscopico di Papilloma Invertito del Seno Sfenoidale

Asportazione endoscopica “Low Grade Sinonasal Sarcoma”