Emicrania. Per un terzo dei pazienti è colpa dell’alcool

emicrania alcool

Emicrania. Per un terzo dei pazienti è colpa dell’alcoolUn sondaggio del Leiden University Medical Center (Paesi Bassi) condotto tra più di 2.000 pazienti affetti da emicrania, ha riscontrato che più di un terzo (36%) ha indicato l’alcol come responsabile dell’innesco del proprio mal di testa

Per un terzo di questi pazienti, l’emicrania iniziava entro tre ore dall’ uso di alcolici e per quasi il 90% entro 10 ore.

Il 78% dei pazienti che bevono alcolici ha citato il vino rosso come bevanda responsabile di scatenare l’attacco, mentre solo l’8% ha puntato il dito contro la vodka.

Sono necessari almeno due bicchieri o due drink per l’insorgenza dei sintomi.

Tuttavia, tra coloro che hanno indicato il vino rosso come fattore scatenante, solo il 9% ha dichiarato di aver sofferto di mal di testa ogni volta che lo ha bevuto.

E solo l’11% ha riferito di avere avuto emicrania dopo ogni drink con la vodka.Dei 650 pazienti che avevano smesso di consumare alcolici, il 25% ha dichiarato di averlo fatto per specificamente evitare di avere emicrania.

Il motivo per cui l’alcol sia la miccia che accende il mal di testa e come questo accade “non è chiaro”, scrivono gli autori dello studio pubblicato sull’European Journal of Neurology.

“I pazienti con emicrania collegano frequentemente il consumo di bevande alcoliche con l’esordio dei loro attacchi. Tuttavia, riferiscono anche che le bevande alcoliche non provocano costantemente attacchi”.

“Queste emicranie sono probabilmente innescate dall’alcool mescolato con diversi altri fattori come le mestruazioni, lo stress, il caldo, determinati alimenti, il digiuno o la privazione del sonno”.

“Le emicranie possono scatenarsi con alcuni tipi di vino rosso, soprattutto quelli con più componenti flavonoidi fenolici”.

E’ indubbio, per gli autori dello studio, che molte condizioni di dolore cronico, inclusa l’emicrania, possano essere significativamente influenzate dallo stile di vita e dai cambiamenti del comportamento, ed il consumo di alcol è una delle abitudini che può essere modificata.

BIBLIOGRAFIA
G. L. J. Onderwater ,W. P. J. van Oosterhout ,G. G. Schoonman ,M. D. Ferrari ,G. M. Terwindt : Alcoholic beverages as trigger factor and the effect on alcohol consumption behavior in patients with migraine, European Journal of Neurology, 2019 26 (4) 588.595 doi.org/10.1111/ene.13861

Per ulteriori informazioni, si possono consultare anche i seguenti link:

Ipoacusia: l’alcool peggiora l’udito nei concerti rock

Un consumo eccessivo di Alcool altera il microbioma orale

Alcool. “Bevi responsabilmente” trae spesso in inganno

Alcool e Cancro: rischio reale fra i giovani