Cellule della coclea: un nuovo metodo per ripararle

cellule

Cellule della coclea: un nuovo metodo per ripararle. Uno studio sperimentale su tessuti animali condotto alla Harvard Medical School e all’ USC Dornsife College of Letters Art and Science potrebbe aprire nuovi orizzonti per la riparazione dei danni subiti dalle cellule neurosensoriali dell’orecchio interno.

I ricercatori hanno scoperto un nuovo metodo di somministrazione del farmaco che permette di raggiungere le cellule nervose danneggiate all’interno dell’orecchio, evitando che la endolinfa che scorre all’interno della coclea lo spazzi via.

La molecola progettata è stata ottenuta combinando il 7,8-dihydroxyflavone (7,8-DHF) ed il bifosfonato (6-FAM-Zol).

Il primo elemento è una proteina potente agonista del TrkB ( Tropomyosin receptor kinase B) fondamentale per lo sviluppo e la funzione del sistema nervoso.

Il secondo farmaco si lega alle ossa.

L’associazione dei due composti ha fornito una risposta rivoluzionaria inducendo i neuroni a rigenerare le sinapsi nel tessuto dell’orecchio animale, consentendo quindi la riparazione delle cellule ciliate, fondamentali nella generazione del segnale acustico.

Il passo successivo, hanno affermato i professori C.E. McKenna e D. H. Jung, coordinatori dello studio, è di testare il modello su cavie viventi.

La somiglianza delle cellule e dei meccanismi coinvolti nella funzionalità dell’apparato uditivo umano con quello animale danno una speranza di miglioramento nelle forme di grave ipoacusia neurosensoriale da invecchiamento, esposizione a rumore e tossicità.

Bibliografia
J.S.Kempfe, K Nguyen, C.Hamadani,…. D.H.Jung, C.E.McKenna: Biphosphonate-Linked TrkB Agonist:Cochlea-Targeted Delivery of a Neutrophic Agent as a strategy for treatment of hearing loss. Bioconjugate Chemistry, 2018 29 (4), pp 1240–1250

 

Per ulteriori approfondimenti si possono consultare anche i seguenti link:

Udito: un’iniezione “di geni” può ripristinarlo

Ipoacusia Improvvisa: Emergenza Otorinolaringoiatrica

Ipoacusia. Non ci sento bene: cosa devo fare?

Perdita di udito sensorineurale improvvisa e fattori predittivi di recupero