Carcinoma della tiroide: nuove linee guida NCCN

carcinoma

Un approfondimento dell’NCCN illustra le nuove linee guida per il carcinoma della tiroide. Secondo i dati epidemiologici più recenti, negli USA il 5% delle persone oltre i 50 anni hanno noduli alla tiroide che, studiati all’ecografia, risultano benigni in circa il 50% dei casi.

Il rischio di avere una diagnosi di tumore maligno durante la vita è stimato negli USA nell’ordine dell’ 1.2% .

Nel 2018 sono stati diagnosticati 53.990 nuovi casi.

L’incidenza della patologia tiroidea, benigna e maligna rimane più frequente nella popolazione femminile (2-3 volte maggiore), dove rappresenta il quinto tumore maligno per incidenza.

Il 96% dei tumori maligni diagnosticati fra 2011 e 2015 è rappresentato dai Carcinomi ben differenziati (papillifero e follicolare e da cellule di Hurtle) e la loro prognosi è eccellente, con una sopravvivenza a 10 anni compresa fra 90 e 95%.

Nel 2018 i morti per carcinoma tiroideo (tutti gli istotipi) sono stati 2060 in tutti gli USA .

Un articolo di approfondimento delle linee guida del National Comprehensive Cancer Network (NCCN) riassume la tavola rotonda sui recenti aggiornamenti alle linee guida per il carcinoma della tiroide che includono nuove opzioni diagnostiche e terapeutiche.

Le raccomandazioni chiave che derivano da questo aggiornamento sono le seguenti:

  • L’aspirazione con ago sottile ( FNAB) sotto guida ecografica è il metodo di elezione per la valutazione di noduli tiroidei sospetti (Categoria I-VI sec. Bethesda System for Reporting Thyroid Cytopathology)
  • I test di diagnostica molecolare per individuare singole mutazioni o approcci con riconoscimento di pattern mediante classificatori molecolari (BRAFV600E, RET/PTC, RAS, PAX8/PPARgamma) possono essere utili nella valutazione di campioni di FNA indeterminati.
  • I test molecolari presentano ancora limitazioni per le lesioni delle cellule di Hurthle e non sono raccomandati in questi casi.
  • I test genomici sono raccomandati per i pazienti con tumore differenziato della tiroide (DTC) in stadio avanzato, in progressione o pericoloso, non operabili o non suscettibili di RAI, per valutare la eligibilità alla partecipazione a trial clinici.
  • Le neoplasie tiroidee follicolari non invasive con caratteristiche nucleari simil-papillari (non invasive follicular thyroid neoplasm with papillary-like nuclear features, NIFTP) possiedono un basso potenziale maligno e non necessitano di tiroidectomia completa dopo la lobectomia. Il follow up deve prevedere il monitoraggio della Tiroglobulina e degli Ab anti TG 6 e 12 settimane dopo l’intervento.
  • I test molecolari (mutazione di BRAF V 600E) sono raccomandati per tutti i pazienti con tumore anaplastico della tiroide (anaplastic thyroid cancer, ATC) che stanno valutando la terapia sistemica. L’approccio multidisciplinare in queste forme molto aggressive di malattia a prognosi generalmente sfavorevole è altamente raccomandato anche per i risultati parzialmente incoraggianti nei casi di ATC con mutazione per BRAF 6000E trattati con dabrafenib/trametinib.

Le linee guida complete, che sono disponibili sul sito NCCN.org

 

BIBLIOGRAFIA
RI Haddad , C Nasr, L Bischoff, N.L. Busaidi et al : NCCN Guidelines Insight Thyroid Carcinoma, Version 2.2018 Featured Updates to the NCCN Guidelines .    J Natl Compr Canc Netw 2018, 16 (12):1429-40

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Tumore della Tiroide: Svuotamento del Comparto Centrale

Noduli Tiroidei: Nuova Classificazione Ecografica

TSH sierico predittivo di malignità dei noduli tiroidei?

Carcinoma midollare della tiroide

Cancro della tiroide: in post-menopausa è più aggressivo

Correlazione Citoistologica nella Patologia Nodulare della Tiroide

L’agoaspirato dei Noduli della Tiroide: classificazione predittiva del rischio oncologico

L’uso delle nuove Tecnologie nella Chirurgia della Tiroide

Tiroidectomia Totale con Bisturi Armonico

Chirurgia meno aggressiva per i Tumori della Tiroide

L’aumento dei Tumori della Tiroide non è dovuto solo alla Overdiagnosis

Cancro alla tiroide: rischio aumentato per chi lavora con disinfettanti

Tiroidite di Hashimoto