Carcinoma della tonsilla: tempo demolitivo

Carcinoma della tonsilla

Carcinoma della tonsilla: tempo demolitivo con approccio transmandibolare conservativoIl Video è il secondo tempo di un intervento chirurgo effettuato dal sottoscritto durante un Corso di Chirurgia live nella Divisione di Otorinolaringoiatria da me diretta all’Ospedale San Carlo-IDI di Roma nel 2003.

Il paziente era affetto da un carcinoma squamoso della tonsilla T2 con metastasi linfonodale latero cervicalI.

Nel video precedente veniva mostrato il tempo dello svuotamento latero cervicale radicale modificato.

Questo, illustra i tempi chirurgici della demolizione ed asportazione della neoplasia della regione orofaringea laterale, estesa marginalmente verso palato molle e base linguale.

La scelta dell’approccio transmandibolare conservativo, è dovuta alla possibilità di dominare de visu la lesione, permettendo di controllare i margini laterali di escissione, ma soprattutto quelli profondi, considerando anche la presenza di metastasi extracapsulari al II livello, non in contatto ma adiacenti alla neoplasia.

L’incisione è labiale mediana, gira intorno al mento e prosegue in sede latero cervicale.

La osteotomia mandibolare eseguita con sega oscillante reciprocante è laterale a scalino, preceduta dal posizionamento della placca in titanio e dalla creazione dei fori per il corretto posizionamento delle viti da utilizzare nella fase di osteosintesi.

Divaricati i monconi mandibolari e sezionato il solco amigdalo glosso, si procede alla asportazione radicale del tumore, conducendo la sezione ad almeno 1.5 cm dal margine macroscopico della lesione.

Il controllo visivo e palpatorio garantisce  di poter effettuare la resezione con margini di sicurezza, confermati intraoperatoriamente dall’esame istologico estemporaneo al congelatore dei punti critici  (muscoli pterigoidei e piano muscolare profondo).

Al termine della asportazione, la breccia chirurgica è ampia e si constata la necessità di una ricostruzione con lembo della parete laterale dell’orofaringe per colmare la perdita di sostanza in modo da permettere una buona deglutizione ed evitare il rischio di una fistolizzazione della saliva verso i vasi del collo.

Nel prossimo video verrà illustrato il tempo ricostruttivo, con l’allestimento di un lembo miocutaneo di muscolo gran pettorale e la osteosintesi mandibolare con viti e placche in titanio.

Per ulteriori approfondimenti, si possono consultare anche i seguenti link:

Svuotamento latero cervicale radicale modificato per Carcinoma della Tonsilla

Carcinoma dell’Orofaringe Hpv correlato

Carcinoma Squamoso dell’Orofaringe

Carcinoma dell’Orofaringe: proposta di nuova classificazione

Tumore Orofaringeo Hpv indotto

Il fumo attivo nei tumori orofaringei HPV positivi

L’infezione da HCV e i Tumori orofaringei

HPV Positività: prognosi migliore nei tumori orofaringe, ipofaringe, cavo orale e laringe

Trattamenti nei tumori orofaringei HPV correlati

Tumori orofaringei: chirurgia robotica opzione economica

Tumori dell’orofaringe HPV correlati: review

Tumori orali ed orofaringei: utile la Radioterapia post-operatoria

I Tumori dell’orofaringe Hpv Correlati: Entità a se stante?

Tumori orali ed orofaringei in aumento nei giovani

Test salivare e tumore orofaringeo asintomatico da Hpv

HPV 16 e 18 nel 30% dei tumori del cavo orale

Tumori del Cavo Orale: ritardo diagnostico

Tumori del Cavo Orale: Ridefiniti i Margini a Rischio

I tumori dello spazio parafaringeo: una sfida per il chirurgo

Papilloma Squamoso Hpv del Faringe

Analisi molecolare e immunologica carcinoma laringeo