Associazione fra Osas e Trigliceridi

OSAS

Associazione fra Osas e Trigliceridi.  La severità dell’apnea ostruttiva del sonno (OSAS) è associata ad elevati livelli di colesterolo e di trigliceridi. È quanto emerge da uno studio svedese pubblicato da Respirology.

Ludger Grote e colleghi, della Sahlgrenska Academy di Gothenberg, hanno condotto un campionamento trasversale su 8.592 pazienti,  inseriti nell’European Sleep Apnea Database, cui non era stata diagnosticata un’iperlipidemia e che non assumevano farmaci ipolipemizzanti.

L’età media dei pazienti era di 50 anni e il campione era composto per il 69% da uomini. L’indice di massa corporea medio era pari a 30,8 kg/m2 e l’indice apnea-ipopnea (AHI ) medio alla Polisomnografia si attestava a 25,7 eventi per ora.

I ricercatori hanno trovato una relazione dose-risposta tra il colesterolo totale (CT) e l’indice di desaturazione dell’ossigeno (ODI), mentre trigliceridi a digiuno e le lipoproteine a bassa densità sono risultati meglio correlati con l’aumento dell’indice AHI.

OSAS

Le limitazioni dello studio, come sottolineato dagli stessi autori, sono rappresentate dal campionamento trasversale, misura che non consente di trarre conclusioni sulla possibile relazione causale tra OSAS e dislipidemia.

La dislipidemia, in quanto fattore di rischio cardiovascolare, probabilmente influisce sulla prognosi dell’apnea ostruttiva del sonno.

Numerosi studi su animali hanno peraltro dimostrato che la privazione di sonno può portare a cambiamenti a livello metabolico, incluso l’aumento di peso, così come a mutazioni del profilo lipidico.

È stato dimostrato che la mancanza di sonno indotta da circostanze come l’insonnia o l’apnea notturna, può alterare leptina e grelina, ormoni che regolano il peso e il senso di sazietà alimentare.

Dal punto di vista clinico, i risultati sottolineano la necessità di indagare sistematicamente la coesistenza di apnea a fattori tradizionali di rischio cardiovascolare quali fumo, ipertensione e dislipidemia.

Ancora da valutare è l’impatto del trattamento dell’OSAS sullo stato lipidico.

 

Bibliografia
C. Gündüz, O. K. Basoglu, J. Hedner, Ludger Grote et al. Obstructive sleep apnoea independently predicts lipid levels: Data from the European Sleep Apnea Database Respirology 2018 ,
doi.org/10.1111/resp.13372

Per ulteriori approfondimenti si possono consultare anche i seguenti articoli:

Apnee notturne: trattamento con cPAP migliora la vita sessuale

Apnee notturne, in Italia 6 milioni di potenziali pazienti

Attenzione alle Apnee ostruttive del sonno: possono indurre depressione negli uomini che ne soffrono

Sindrome delle Apnee del sonno (OSAS): Se emerge un profilo di rischio elevato serve l’intervento dello specialista per la diagnosi e valutazione della gravità

Apnea notturna: Valore della Polisomnografia

Sleep Endoscopy: selection of cases

Ruolo della Sleep Endoscopy nella diagnostica dei disturbi ostruttivi del sonno

Apnee Notturne: la diagnosi e l’inquadramento ora è facile

 

Sezione Videoarticoli

L’uso del laser nella chirurgia delle Apnee Notturne (OSAS)

Chirurgia dell’OSAS: Avanzamento ioideo

Terapia dell’OSAS: La sospensione ioidea

Ugulopalatofaringoplastica: tempi chirurgici dell’intervento

Uvulopalatoplastica Laser Assistita

La Chirurgia Orofaringea nel Trattamento dell’OSAS